|  

sabato 1 dicembre 2012

Creato "il cioccolato che non si scioglie", destinato però ai Paesi caldi.


Molto probabilmente gli scienziati della fabbrica Cadbury si saranno ispirati al famoso film "Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato". Infatti di recente sono riusciti a creare un tipo di cioccolato che non si scioglie anche se viene esposto per tre ore consencutive ad una temperatura di 40° C; il che è del tutto innovativo considerando che normalmente inizia a sciogliersi già a una temperatura di 34 °C. Comunque la scoperta, per la quale la Cadbury ha già richiesto il brevetto, comporta un cambiamento nella fase di produzione del cioccolato, quando burro di cacao, olio vegetale, latte e zucchero vengono mescolati e sminuzzati in un contenitore riempito con alcune palline metalliche. In pratica durante la produzione del tipo di cioccolato in questione lo zucchero viene ridotto in particelle più piccole e successivamente ricoperto con uno strato minore di grasso, rendendo così la barretta di cioccolato più resistente al caldo. Tuttavia la nuova specialità di casa Cadbury, la quale è stata chiamata "cioccolato tollerante alla temperatura", ha già scatenato non poche polemiche dal momento che non potrà essere assaggiata dai cittadini britannici. Infatti il gruppo americano Kraft Foods, che da circa due anni ha acquisito il suddetto marchio britannico, ha fatto sapere che questo cioccolato è stato destinato ad essere venduto soltanto nei Paesi più caldi come ad esempio India e Brasile e che invece non verrà commercializzato in Gran Bretagna. Le reazioni a questa scelta sono state immediate poiché, al momento dell'acquisto della Cadbury, la Kraft Foods aveva assicurato che avrebbe continuato a produrre «cioccolato britannico per i britannici». Al riguardo Robert Halfon, deputato del Partito Conservatore, ha dichiarato: "È una notizia deludente. Abbiamo inventato questo marchio ed ora non possiamo goderne i frutti. Li esorto a riconsiderare la decisione ed a permettere ai britannici di assaggiare questo cioccolato". Tuttavia per il momento da parte dell'azienda non sono arrivati ripensamenti, limitandosi a spiegare che non esiste ragione per cui questo tipo di cioccolato debba essere venduto in Gran Bretagna. Difatti gli stessi scienziati hanno spiegato: "Questo cioccolato tollerante alle alte temperature è più adatto ai climi caldi, in particolare modo nei Paesi meno sviluppati, dove i sistemi per mantenere la temperatura stabile sono insufficienti". Ed, infine, hanno concluso dichiarando: "Ad ogni modo la barretta in questione ha un sapore meno buono del cioccolato normale".


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts