|  

giovedì 11 luglio 2013

Le applicazioni per accudire e controllare i propri animali domestici a distanza.


Chi possiede un animale domestico, in particolare se cani o gatti, sa bene che quando si ritrovano da soli in casa spesso e volentieri, (soprattutto se si tratta di cuccioli troppo vivaci e non ancora ben educati), si divertono a distrugge qualsiasi capiti sotto le loro zampe. Ma niente paura, adesso la tecnologia può aiutare ad evitare che ciò avvenga: basterà una semplice webcam la quale segnalerà al padrone che cosa sta facendo il suo animale domestico in tempo reale. Così, qualora fosse necessario, il proprietario potrà fare una telefonata ad un amico oppure ad un vicino che, (se ne avesse voglia, naturalmente), potrà intervenire. In pratica sarà possibile vedere sullo schermo del proprio smartphone oppure del computer, ogni istante della giornata dei nostri fedeli amici anche quando siamo in ufficio, per poter capire se mangiano, se si annoiano oppure se stanno per rompere qualcosa. Tutto questo grazie alle varie applicazioni e telecamere appositamente realizzate per controllarli a distanza. In sostanza si tratta di dispositivi ormai diffusi negli Stati Uniti, ma che ultimamente stanno iniziando a prendere piede anche in Europa ed in Italia; utili soprattutto quando si parte in vacanza, perché permettono addirittura di dare da mangiare al proprio animale domestico a distanza. Una di queste si chiama Pintofeed e si tratta di un'applicazione che, appunto, permette di dare i pasti al cane o al gatto rimasto a casa. In sostanza è una specie di "chef per Fido": il cibo viene inserito all'interno di un apposito contenitore con un cassetto che si apre solo quando è attivato a distanza con lo smartphone.Per di più accanto alle applicazioni che fanno da "baby-sitter" al cucciolo, ci sono quelle che aiutano a ritrovarlo nel caso in cui si allontana troppo da casa. Infatti a New York è già possibile seguire con tranquillità le passeggiate del cane grazie a Swifto, un sistema satellitare che lo controlla anche se è sfuggito all'attenzione del padrone. Inoltre la stessa tecnologia viene utilizzata da The Pet Tracker che, come dice il nome, controlla il proprio animale domestico a distanza e che presto avrà anche una funzione innovativa per gestire anche la sua salute. Difatti l'indicatore di posizionamento può rilevare il movimento e la durata dell'attività dell'animale, dando la possibilità di capire se è pigro e se è il caso di fargli fare degli esercizi. Come se non bastasse, sempre più i collari per gatti e cani vengono dotati di dispositivi elettronici con informazioni o sistemi per il controllo a distanza. Ad esempio, attraverso il QR code si può scoprire chi chiamare se l'animale è smarrito ed in caso informazioni sulla sua salute. In tal proposito esiste Tractive, ovvero un sistema in grado di controllare a distanza gli animali domestici attraverso l'iPhone, che tra l'altro permette di attivare un allarme qualora il cucciolo superi un'area prestabilita, (ad esempio quella del giardino), avvisando immediatamente il padrone, dandogli quindi il tempo di intervenire tempestivamente. Oltretutto tra le varie applicazioni pensate appositamente per gli animali domestici ci sono anche quelle più "simpatiche" come Snapcat, che trasforma il micio in fotografo specializzato in autoritratti. Infatti si tratta di un sistema che registra i momenti della giornata del gattino, trasformandolo in una sorta di star: il felino si avvicina all'obiettivo e può scattarsi facilmente decine di foto muovendo semplicemente la zampa. Insomma tutte soluzioni semplici, spesso originali, altre davvero utili, che rendono più facile la vita delle famiglie e che a volte vengono ideati direttamente dai proprietari per rispondere ad esigenze concrete. Come nel caso di Alex Neskin e la sua fidanzata che quando si sono trasferiti a Kiev, (in Ucraina), il loro cane Rocky sembrava molto triste ed i suoi padroni si sono preoccupati. Al riguardo Yaroslav Azhnyuk, amico di Alex Neskin, durante un'intervista della BBC ha spiegato: "Per questo ho deciso di fare qualche cosa. Ho collegato una telecamera ad un computer, in casa. Controllavamo il cane a casa. Passava le giornate da solo di fronte alla porta di casa. Sbadigliava, era annoiato e solo". Così Alex Neskin e Yaroslav Azhnyuk, ricordandosi che il cane si divertiva a giocare con le luci dei laser, hanno creato un gioco collegato alla telecamera del Pc che permette a chiunque di distrarre a distanza Rocky con uno smartphone o un computer; una soluzione che non solo è piaciuta al diretto interessato, ma che è anche diventata un business per i suoi inventori: sono circa 2.000 le persone che l'hanno già comprata. Ad ogni modo nel caso in cui il padrone non voglia mai lasciare solo il proprio animale, la tecnologia non basta, anche se può essere utile se si parte in vacanza. Infatti negli Stati Uniti, l'applicazione Rover fornisce informazioni sui "dog sitter", trovando il professionista più vicino nel quartiere; così durante la vacanza il proprietario può ricevere immagini e notizie in tempo reale che lo metteranno al corrente dello stato di salute del suo cucciolo. Altra applicazione USA che fornisce un servizio molto simile però con l'aiuto "last minute" è Dogvacay. Mentre per quanto riguarda Europa ed Italia esiste Bibulu, ovvero l'alternativa alle residenze canine: una specie di "Airbnb per cani". Tuttavia in generale la tecnologia è sempre più utile anche per avere informarsi e curare gli animali, (non solo domestici), anche a distanza. Infatti sempre negli Stati Uniti il sito iPet Companion mette a disposizione una sezione nella quale si possono vedere a distanza i gattini randaggi, (in attesa di adozione), e giocare con loro dal computer di casa.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts