|  

lunedì 26 giugno 2017

METALLICA: "Non scegliamo le band di supporto in base a quelle più popolari del momento"; parola di James Hetfield.


In questi giorni James Hetfield, frontman dei Metallica, durante un'intervista concessa alla ABC 7, oltre a parlare del concerto presso il Soldier Field e di alcuni episodi avvenuti a Chicago, (rivelando come la sua prima giacca di pelle fosse stata rubata proprio nella città), ha spiegato il criterio in base al quale la band decide di scegliere i gruppi di supporto per i vari tour. Difatti al riguardo il cantante ha dichiarato: "Quando usciamo per andare in tour cerchiamo di portare con noi delle band che hanno dimostrato di saperci fare da sole, o con cui andiamo d'accordo, oppure semplicemente la cui musica ci piace. Ci deve essere una qualche tipo connessione. Non è una coda del tipo: "Oh, questa band è molto popolare in questo momento, portiamocela in tour". Semmai deve essere una band che conosci, con cui sai che ti trovi bene. Questa è una delle cose più importanti riguardante l'andare in tour... trovarsi bene con le persone. Forse ai vecchi tempi è successo che ci fossero litigi e merda del genere tra le band, ma è roba vecchia ormai. Per quanto riguarda i gruppi adesso sono in tour con noi, abbiamo i Volbeat, che io considero grandiosi. Gli Avenged Sevenfold. C'è anche una band chiamata Gojira, che diverse volte è stata in tour con con noi. E sì, sono bravi e sono heavy". Mentre in un'altra intervista concessa prima dell'annuncio dell'attuale tour nordamericano, Robert Trujillo, bassista dei Metallica, aveva, infine, affermato: "Amo i Gojira perché sono una band grandiosa ed amo il loro nuovo album. Gli Avenged Sevenfold hanno della roba buona che verrà pubblicata. Non ho intenzione di scegliere una band, ma penso che sarebbe bello se le giovani band di tutto il pianeta si dedicassero di più al rock ed all'heavy metal e cominciassero a creare della buona musica e la portassero ad un altro livello".

Di seguito l'intera intervista di James Hetfield:



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts