|  

domenica 6 agosto 2017

SLIPKNOT: Shawn Crahan vorrebbe realizzare un doppio concept album.


In questi giorni Shawn Crahan, il percussionista degli Slipknot noto con il nickname "The Clown", durante un'intervista concessa a NME ha parlato della composizione dei pezzi per il prossimo album della band e di un eventuale tour mondiale di supporto. In pratica le parole del batterista sono state: "Vi dirò questo: abbiamo deciso di fare le cose in modo diverso. La nostra etichetta era stata acquistata e venduta, le persone che erano soliti darmi consigli sono andate via, ma siamo ancora in piedi. Non aspetteremo che Corey Taylor dica che è pronto, nessuno aspetterà che io finisca di dirigere un film, e la stessa cosa vale se qualcuno vuole andare in tour con qualcun altro. Ogni 3 o 4 mesi ci siamo riuniti e abbiamo scritto fino a 30 giorni. Attualmente abbiamo circa 27 bozze di nuovi brani. Sette o otto sono complete ma non sono veri e propri pezzi finiti. Per questo motivo alcuni fan iniziano a prendersela con Corey per non essere presente o con Jim che vuole fare qualcosa di diverso. Noi, come artisti, abbiamo chiesto di riunirci ogni 3 o 4 mesi e "gonfiare" i nostri cervelli con l'arte. Stiamo cercando di creare quanta più arte possibile". Ed ha poi proseguito spiegando: "Per i 3 anni in cui siamo stati in tour abbiamo scritto e registrato tutto il tempo. Ci ritroveremo a Settembre. Per adesso Corey è impegnato con gli Stone Sour e quando avrà finito, avrà bisogno di una piccola pausa. Fa sempre così. Poi tornerà a lavorare ai pezzi ed ai testi degli Slipknot. Molti di noi si troveranno a Settembre per lavorare a queste 27 bozze. Il nostro obiettivo è riuscire ad avere brani a sufficienza per un doppio album. Non ho idea se riusciremo a farcela. È una cosa quasi impossibile a cui arrivare, perché bisogna avere veramente tanta musica e scegliere i pezzi giusti. A me piacerebbe fare un doppio album vorrei che fosse anche un concept album. Ho parlato con Corey e con Jim e non è una cosa che faremo e basta, non abbiamo pianificato nulla. Deve essere fatta bene e deve andare bene a tutti noi". Mentre ha, infine, concluso dichiarando: "Il futuro è molto emozionante perché è il 6° album. Il numero 6, oltre ad essere il mio numero personale negli Slipknot, è biblicamente nei computer, nella matematica, ed in qualunque cosa - il numero 6 è un numero molto importante e strutturato. È una cosa bella da pensare "merda santa, abbiamo 6 album e dobbiamo fare una setlist". Dobbiamo anche andare avanti nel tempo, il che è difficile perché ci piace provarci e stupire tutti. È molto improbabile che faremo un set solitario, a meno che non applichiamo cambiamenti di set, di abiti e pause acustiche - il che è qualcosa di cui abbiamo anche parlato. Abbiamo anche parlato di un piccolo tour nei club. Non ho intensione di laurearmi in questa cosa chiamata "rock n' roll" a meno che io non possa ritornare da dove sono partito - voglio essere preso a calci nelle palle dal pubblico. Non è colpa mia se la security deve lavorare più duramente. Lasciate che la musica costringa alla congregazione. Voglio tornare indietro ed essere preso a schiaffi da qualche figlio di puttana. Ho bisogno di tornare a quell'epifania da dove abbiamo cominciato".


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts