|  

sabato 19 gennaio 2013

Kim Dotcom lancia ufficialmente MEGA, il suo nuovo sito che punta a diventare l'erede di Megaupload.


L'aveva promesso ed adesso ha mantenuto la parola data. Infatti quest'oggi Kim Dotcom, (imprenditore tedesco famoso soprattutto per aver fondato Megaupload, sito messo sotto sequestro dall'FBI esattamente un'anno fa), ha ufficialmente inaugurato MEGA, il suo nuovo sito di file hosting e sharing che, come spiegato in precedenza, punta a diventare il successore di Megaupload, ma che tuttavia rispetto a quest'ultimo è molto più sicuro da potenziali attacchi della polizia, in quanto non è supportato solo da server americani, ma anche da vari server ridondanti presenti in vari altri Paesi. Perciò, qualora la polizia sequestrasse tutti i server fisici posseduti da Kim Dotcom, il sito non subirebbe alcuna perdita, in quanto tutti i dati sono presenti anche su tutti gli altri server esteri. Però non è stata migliorata soltanto la sicurezza dei server, ma anche quella dei singoli file che vengono caricati sul sito. Difatti ogni file è protetto da un sistema di crittografia chiamato Advanced Encryption Standard che permette la lettura del file solamente all'autore, impedendo quindi eventuali attacchi da parte di hacker. Inoltre grazie a questa decisione Kim Dotcom si è liberato anche da qualsiasi possibile reato infranto da un file, in quanto soltanto gli autori del file hanno le "chiavi" per la sua lettura e la sua modifica. Questo complicherà anche il tentativo di cancellare un file da parte della polizia, dato che si dovrebbe decriptare e bloccare ogni file singolarmente. Il sito è stato, appunto, lanciato oggi e per l'occasione Kim Dotcom, attualmente al centro di un'indagine statunitense per frode, non si è risparmiato ed ha organizzato un grande party con moltissima gente e gelati gratis nella sua megavilla, in un quartiere esclusivo di Auckland. Al riguardo l'imprenditore tedesco ha affermato: "Nel Medioevo i nemici del progresso bruciano libri. Oggi si bruciano i siti Internet. MEGA sarà il sito che metterà la parola fine a questa persecuzione". Ed ha proseguito spiegando: "Sarà qualcosa di molto innovativo, abbiamo inventato cose che Internet non ha ancora sperimentato". Inoltre come Willy Wonka, il famoso personaggio del romanzo "La fabbrica di cioccolato" di Roald Dahl, il 38enne ha distribuito anche dieci "golden ticket" che hanno garantito ad altrettante persone l'ingresso al party di lancio del nuovo sito. E dunque, come aveva annunciato diverse volte, l'estroso fondatore del più famoso sito di file-sharing, oscurato dopo l'accusa da parte dell'FBI aver incassato 175 milioni di dollari grazie ad un business, iniziato nel 2005, di copiatura e di distribuzione di musica, film e tanti altri prodotti protetti da copyright senza la necessaria autorizzazione, ha deciso di ripartire all'attacco, appunto, con MEGA, che consentirà agli utilizzatori di avere il controllo e anche la responsabilità dei propri file, aggirando così artificiosamente le leggi statunitensi in tema di copyright. Infatti gli utenti di questo nuovo servizio potranno caricare, immagazzinare e condividere foto, musica e film, crittografare i file e renderli accessibili soltanto utilizzando, appunto, chiavi personalizzate. Per di più ogni utente avrà a disposizione un profilo gratuito con 50GB di spazio libero sul web. Oltretutto considerando che gli operatori di MEGA non avranno accesso ai contenuti, non potranno nemmeno essere considerati responsabili delle attività del sito. E dunque, come ha sempre fatto, Kim Dotcom, sta continuando a promuovere il suo nuovo business proponendo un'immagine di combattente della libertà. Oltretutto tra non molto dovrebbe lanciare anche MegaBox, ovvero un sito riservato alla condivisione e l'ascolto totalmente legale di file musicali. Tuttavia, infine, la sua idea di recuperare del materiale depositato nei server di Megaupload risulta una faccenda ancora piuttosto intricata. Infatti, ad oggi, anche chi utilizzava il servizio per fini leciti non ha alcuna possibilità di recuperare i suoi file.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts