|  

domenica 9 giugno 2013

Tutto pronto per il debutto di Xbox One, PlayStation 4 ed eventuali altre console "next-gen" all'E3 2013.


L'appuntamento annuale con l'Electronic Entertainment Expo, (nota anche con la sigla E3), di Los Angeles, la fiera più importante per il settore dei videogame, quest'anno è fissato per domani mattina, (tardo pomeriggio per l'ora Italia), quando la Microsoft aprirà le danze presentando la sua Xbox One, svelata a Redmond il 21 Maggio scorso, che sarà seguita poi dalle anteprime di Electronic Arts ed Ubisoft e si chiuderà con Sony e la presentazione della sua PlayStation 4. Quest'ultima, fra le console di nuova generazione, è l'unica della quale non si conosce l'aspetto, anche se a fine Febbraio era stato mostrato soltanto il joypad, alcune delle caratteristiche tecniche ed un certo numero di servizi e giochi. Ad ogni modo fra le tante novità dell'E3 di quest'anno vanno considerate anche le "disfatte" e le assenze. Ad esempio, quella di Nintendo, che non terrà la sua abituale conferenza stampa, ma limitandosi a presentare nuovi titoli per la sua Wii U. E quella della Apple, che invece non ha mai partecipato all'E3 e che incombe come un'ombra sul mondo dei videogame. Infatti con il suo App Store, simbolo di un modello di business vincente basato sui micro pagamenti, sta travolgendo le console portatili e, secondo le prime indiscrezioni, domani potrebbe decidere di presentare un qualcosa di simile per le console "da casa". Al riguardo basta pensare che ad inizio 2013 il giro di affari delle applicazioni è stato tre volte quello di Ps Vita e Nintendo 3DS. Ed oltretutto il Worldwide Developers Conference, (conosciuto anche con la sigla WWDC), della Apple avrà luogo a San Francisco, guarda caso, proprio domani, contemporaneamente all'E3. Comunque sia quest'anno a contendersi la scena di Los Angeles saranno soprattutto Xbox One e PlayStation 4, il cui arrivo sul mercato è previsto per entrambe durante il periodo natalizio. Anche se quest'ultime risultano simili poiché hanno la stessa architettura, la medesima tipologia di processore AMD e la stessa scheda grafica. Ma tuttavia la prima punta in particolar modo all'integrazione con il mondo degli smartphone e dei tablet nati sotto il segno di Windows 8 ed in generale mira ad essere una "macchina da salotto" dedicata all'intrattenimento, (con il suo nuovo Kinect, il sistema di telecamere e sensori che a quanto pare è in grado di rilevare anche il battito cardiaco). Mentre la seconda per il momento punta più ai cosiddetti "hardcore gamers", (vale a dire gli appassionati di videogame), concentrandosi quasi unicamente sui giochi di loro gusto. O almeno questo è quanto fanno sapere le premesse, si dovrà vedere poi quali sorprese Microsoft e Sony hanno preparato per questo E3. In ogni caso da quel che si potuto capire fino ad oggi, (considerando che non tutte le specifiche sono state comunicate), la PlayStation 4 dovrebbe essere la macchina più potente. Infatti in ambito grafico si parla di una capacità di calcolo superiore del 50% grazie all'impiego di una tipologia di RAM più veloce, ovvero la GDDR5 contro la normale DDR3. Di sicuro gli sviluppatori hanno fatto in modo che questa generazione di console non puntasse troppo in alto, alzando ulteriormente i costi di sviluppo che sono già alle stelle, ad esempio, sull'ultra alta definizione, (nota come tecnologia 4K). Inoltre, come già anticipato, c'è da considerare anche l'omogeneità di fondo delle due macchine, (molto simili a dei Pc), che consente una conversione semplice dei giochi dall'una all'altra. Comunque, stando agli analisti, i prezzi non dovrebbero superare i 350-400 dollari; dato che sopra questa soglia, (e con i tablet in pieno boom), si rischierebbe di tornare ad un "mercato di nicchia" com'era quello dei videogame prima dell'avvento della PlayStation nel 1994. Ad ogni modo in questo periodo hanno fatto molto discutere le limitazioni che a quanto apre Microsoft intende applicare ai giochi usati per l'Xbox One, attraverso una certificazione online obbligatoria che da un lato ne ridurrà di fatto la circolazione, e dall'altro potrebbe rendere inutile la stessa console in assenza di un collegamento ad Internet. E se le cose stessero così, domani si attendono maggiori dettagli, poiché una politica del genere potrebbe portare ad un "suicidio commerciale". E per di più in tempi di crisi come questi, l'usato è lo strumento principale di accesso ai videogame visto che il prezzo di copertina è di circa 60 euro; in particolar modo per i ventenni, (che poi risultano la fascia di pubblico ancora oggi più numerosa), che di soldi non ne hanno tanti. Comunque sia per quanto riguarda i giochi più attesi, non tutte saranno novità assolute. Infatti molti dei titoli di maggior richiamo in mostra all'E3 sono in parte già ben noti; anche se di sicuro si tratterà di videogame di grande richiamo. In pratica si passerà dai fantascientifici Halo 5, Destiny e Killzone: Shadow Fall alle corse di Forza Motorsport 5 e Gran Turismo 6. Passando anche per le versioni 2014 dei giochi di calcio FIFA e Pro Evolution Soccer e per l'inevitabile serie di videogiochi di guerra, (diventata una sorta di "asso pigliatutto" con il suo antagonista Battlefield), Call of Duty, il cui prossimo capitolo si chiamerà Call of Duty: Ghosts. Ovviamente senza poi dimenticare il nuovo capitolo di Mirror's Edge, quello della saga di Assassin's Creed, il tanto atteso Metal Gear Solid V: The Phantom Pain, progetti narrativamente ambiziosi come Beyond Two Souls, (di David Cage), e Quantum Break, (della Remedy Entertainment), fino ai giochi di ruolo di rango iniziando da Dragon Age III, Fable IV, The Witcher 3 e Dark Souls II. E poi ancora giochi come Batman Arkham Origins, Pikmin 3 e Wolfenstein: The New Order. Questo è solo per citarne alcuni, ma ce ne saranno tanti altri; non si sa bene quanti, ma comunque saranno abbastanza per attirare l'attenzione sul mondo delle console e sul loro palcoscenico preferito, cioè quello dell'E3.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts