|  

mercoledì 18 ottobre 2017

Osservato il punto più lontano della Via Lattea.


A quanto pare adesso la Via Lattea ha una mappa un po' più completa: dopo decenni di tentativi è stato, infatti, misurato per la prima volta il suo punto più distante; o almeno questo è quanto hanno annunciato alcuni ricercatori del Max Planck Institute for Radio Astronomy, guidati da Alberto Sanna, i quali hanno pubblicato uno studio sulla rivista Science. In pratica per giungere a tale risultato i ricercatori hanno utilizzato la tecnica della parallasse trigonometrica, (fondata su un principio piuttosto semplice che permette di effettuare la misura diretta della distanza di una stella o di una regione stellare basandosi interamente sulla geometria e le dimensioni dell'orbita terrestre), la quale offre risultati più accurati in termini di misurazioni, ed analizzato i dati raccolti nel 2014 e nel 2015 con la rete di radiotelescopi Very Long Baseline Array, (nota anche con la sigla VLBA), della National Science Foundation. Così facendo è stato possibile misurare, appunto, una distanza di oltre 66.000 anni luce, (quasi il doppio rispetto ai dati raccolti in passato), la quale riguarda una lontanissima regione, chiamata G007.47+00.05, che si trova sul lato opposto della Via Lattea rispetto alla Terra ed al Sole e nella quale si formano nuove stelle. Al riguardo lo stesso Alberto Sanna ha spiegato: "Questo metodo, puramente geometrico, consiste nel misurare lo spostamento apparente di un oggetto astronomico nel piano del cielo, dovuto a due diversi punti di osservazione dello stesso oggetto, in particolare, quando la Terra si trova ai due estremi dell'orbita attorno al Sole. Inoltre le nostre misurazioni permettono un'accurata determinazione della curva di rotazione della Via Lattea, che dipende, ad esempio, dalla quantità di materia oscura nell'alone galattico. Quello che si osserva è che la Via Lattea ruota più velocemente di quanto si pensasse, e confrontando questa curva di rotazione con quella di Andromeda (M31), si ricava che le due galassie sono molto più simili di quanto si pensasse in precedenza". Mentre ha poi concluso dichiarando: "Questo punto è ben oltre il centro della Galassia, che è distante da noi più di 27.000 anni luce. Il precedente record era di "soli" 36.000 anni luce. Questa nuova misura era approssimativamente uguale alla dimensione angolare di una pallina da baseball sulla superficie della Luna, con un'incertezza equivalente alle dimensioni di un penny". In questo modo abbiamo dimostrato che è possibile mappare l'intera estensione della Via Lattea ed avere un'idea di come è fatta. Standoci noi dall'interno, infatti, non possiamo vederla come facciamo con altre galassie dall'esterno". Comunque sia le osservazioni effettuate con i radiotelescopi VLBA consentono di poter misurare "facilmente" la distanza delle stelle appena nate nel Via Lattea, (comprese quelle più periferiche): nelle cosiddette regioni "incubatrici", infatti, si formano molecole di acqua e metanolo che agiscono come amplificatori naturali dei segnali radio. In sostanza questo effetto, (noto come Maser), rende i segnali radio brillanti e facilmente osservabili con i radiotelescopi e considerato che nella Via Lattea esistono molteplici regioni in cui la formazione stellare è ancora attiva, in futuro sarà facile captare il loro segnale per rendere, infine, più precisi i "confini" della mappa galattica.


Di seguito alcune immagini:
http://www.media.inaf.it/wp-content/uploads/2017/10/Caddfgdfgdfgedttura.png
http://wwwra.ansa.it/webimages/ch_700/2017/10/14/9530c07e991dd7e6847b234425d90685.png
https://www.media.inaf.it/wp-content/uploads/2017/10/nrao17df13b.jpg
...ed un video che riassume il tutto:



Flash Player: Scoperta una nuova vulnerabilità zero-day che distribuisce FinSpy.


Come già noto, Adobe ha annunciato la fine del supporto al suo Flash Player nel 2020, ma fino ad allora il software sarà presente su molti Pc e verrà utilizzato per eseguire attacchi informatici di vario genere. Non a caso di recente i ricercatori di sicurezza di Kaspersky Lab hanno scoperto una nuova vulnerabilità zero-day sfruttata da un gruppo di cracker per colpire target specifici in diverse nazioni. In particolare i ricercatori russi hanno rilevato un attacco eseguito dal gruppo BlackOasis contro politici, attivisti e giornalisti che risiedono principalmente in Medio Oriente. Mentre per quanto riguarda la modalità di attacco, le vittime designate ricevono un documento Word via e-mail che contiene l'oggetto ActiveX, il quale a sua volta viene usato per ottenere i permessi di lettura/scrittura nella memoria, sfruttando la suddetta vulnerabilità di Flash Player. Così facendo sul computer della vittima viene scaricata silenziosamente da un server remoto una copia di FinSpy, (noto anche come FinFisher), uno spyware commerciale venduto da Gamma International a vari governi e forze dell'ordine. Entrando un po' più nel dettaglio, si tratta di un software per la sorveglianza remota che una volta installato effettua un collegamento al server C&C, (ovvero Command and Control), e consente al cybercriminale di rubare diversi dati sensibili dal computer della vittima: l'ultima variante di FinSpy sfrutta diverse tecniche di offuscamento per rendere più complicata la sua rilevazione e l'analisi forense. Comunque sia la vulnerabilità in questione è presente nella versione 27.0.0.159 per Windows, macOS, Linux, Chrome OS e Google Chrome, nonché nella versione 27.0.0.130 per Internet Explorer 11 e Microsoft Edge. Naturalmente i responsabili di Kaspersky hanno subito contattato Adobe che ha provveduto a rilasciare una patch correttiva presente nella versione 27.0.0.170 per Flash Player, (ossia la più recente), di cui sarebbe fortemente consigliata l'installazione il prima possibile.




martedì 17 ottobre 2017

IRON MAIDEN: Eddie The Head diventa un personaggio di Angry Birds Evolution.


In occasione dell'arrivo di Halloween i responsabili di Rovio Entertainment, creatori di Angry Birds, hanno deciso di collaborare con gli Iron Maiden per creare "Eddie the Bird", un personaggio giocabile ispirato, appunto, alla storica mascotte della band e che i giocatori potranno reclutare ed utilizzare ogni volta che vogliono all'interno di "Angry Birds Evolution" a partire dal 18 Ottobre durante un evento speciale di 2 settimane. Inoltre per questo evento Rovio Entertainment ha deciso di realizzare 4 diverse evoluzioni di Eddie, ognuna delle quali dedicata all'artwork di altrettanti album: Killers, Powerslave, Somewhere in Time e The Book of Souls. Al riguardo Miika Tams, VP Games and Product Lead per Angry Birds Evolution ha commentato: "Il nostro team è pieno di veri appassionati degli Iron Maiden ed Eddie è stata sia la nostra prima scelta che una scelta naturale per Angry Birds Evolution. È arrivato il momento che il suo status di vera e propria icona mondiale del rock venga celebrata e sappiamo che i fan ameranno vedere Eddie the Bird scatenare l'inferno su Bird Island!". Mentre Llexi Leon, Interactive Creative Director presso Phantom Music Management, nonché collaboratore con gli Iron Maiden, ha spiegato: "Quando ricevi una chiamata da parte di Rovio, una delle più grandi aziende di intrattenimento del mondo, che ti confessa che di essere un fan degli Iron Maiden e che vorrebbe festeggiare Halloween con Eddie devi solo prenderne atto. Si sono superati con questo incredibile tributo agli Iron Maiden e l'opportunità di condividere la musica della band con i loro milioni di giocatori in tutto il mondo. Non vedo l'ora di giocarci ed abbattere quei maialini!". Per di più insieme a queste 4 evoluzioni di "Eddie the Birds", l'interno gioco sarà trasformato in un'oasi dell'heavy metal a tema di Halloween, piena di tributi ad Eddie, agli Iron Maiden ed all'universo del metal. Per di più Rovio Entertainment prevede di offrire ai fan alcuni articoli esclusivi targati "Eddie the Bird", (molto probabilmente peluche, magliette e oggetti vari), che verranno messi in vendita per un periodo limitato durante questo evento unico. Comunque sia non è tutto: nel 2018 è stata, infine, programmata la "migrazione" di "Eddie the Bird" in Iron Maiden: Legacy of the Beast, l'RPG per dispositivi mobili che la band britannica ha rilasciato a Giugno 2016.

Di seguito le suddette 4 evoluzioni di "Eddie the Bird":
...alcune immagini del gameplay:
http://assets.blabbermouth.net.s3.amazonaws.com/media/ironmaidenangrybirdsevolutionscreenshot9.jpg
http://assets.blabbermouth.net.s3.amazonaws.com/media/ironmaidenangrybirdsevolutionscreenshot5.jpg
http://assets.blabbermouth.net.s3.amazonaws.com/media/ironmaidenangrybirdsevolutionscreenshot4.jpg http://assets.blabbermouth.net.s3.amazonaws.com/media/ironmaidenangrybirdsevolutionscreenshot1.jpg
...ed il trailer di annuncio dell'evento speciale: